Non si può passare da Catania senza visitare il monastero dei Benedettini, un luogo meraviglioso in cui passare qualche oretta in silenzio e conoscere una parte della storia della città…

Caro lettore e cara lettrice, proseguo il racconto del mio viaggio in Sicilia, parlandoti questa volta del monastero dei Benedettini di Catania.

Se ti sei perso l’ultima puntata la trovi qui: Acireale, il barocco e l’Etna. 

Come ho scritto nel titolo, si tratta di una tappa irrinunciabile visitando la bella città siciliana.

Citando il sito ufficiale si tratta di un “luogo unico che racconta le vicende umane e storiche della città dell’Etna dall’antichità fino ai giorni nostri“.

Sei pronto a partire per questo tour virtuale? 

 

Il tour virtuale del monastero dei Benedettini

 

Il monastero dei Benedettini a Catania

 

Prima ancora delle parole, ho pensato che, magari, non ti sarebbe dispiaciuto vederlo dal vivo, seppur virtualmente.

Infatti, sul sito ufficiale del Monastero di San Nicolò (questo il vero nome) hanno predisposto un interessantissimo tool, uno strumento che permette di vedere il monastero sullo schermo del tuo computer o cellulare, proprio come se ti ci trovassi dentro.

L’immagine che vedi qui sopra, infatti, è uno screenshot del mio computer. Muovendosi con il mouse è possibile ruotare l’immagine in tutte le direzioni, e l’impressione è proprio quella di trovarsi lì!

Se vuoi provare tu stesso, lo trovi qui: Monastero – Virtual Tour.

Provato? Bellissimo, vero? Pensa com’è trovarsi lì per davvero. Ma nel frattempo, andiamo a conoscere un po’ di storia. 

 

Il monastero dei Benedettini a Catania – Storia

 

chiostro del monastero dei benedettini

 

Il nome completo è Monastero di San Nicolò l’Arena, da non confondersi con l’omonimo monastero di Nicolosi. Hanno lo stesso nome perché, di fatto, il complesso catanese fu fondato proprio dai monaci di Nicolosi, che cercavano riparo dalle eruzioni dell’Etna e dai briganti. 

La sua fondazione risale alla metà del XVI secolo e fu nominato monumento nazionale nel 1869. Come ci riporta il sito, infatti, si tratta di “uno dei complessi monastici più grandi d’Europa”.

Ho fatto qualche ricerca, effettivamente, il monastero catanese è il secondo in tutta Europa, essendo secondo solo al monastero di Mafra, in Portogallo.

All’interno del monastero si trova una domus romana, chiostri ed un giardino pensile. È anche sede del dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania. Quando andrai a visitarlo, ti capiterà sicuramente di incrociare per i suoi larghi e lunghissimi corridoi, studenti universitari in attesa di sostenere qualche esame.

 

studenti nei corridoi università di catania

 

Visitare il monastero

 

Per visitare il monastero dei Benedettini sono previsti ben cinque differenti tour guidati. 

1- Percorso tradizionale – ha la durata di un’ora e prevede la visita ai due chiostri, al piano cantinato, che oggi è sede della biblioteca universitaria, la domus romana, il Coro di Notte, i giardini e le cantine del ‘700. È quello che ho scelto io.

2- Tour serale – mi sarebbe piaciuto ma essendo in partenza (mi attendevano a Modica, prossimo spiraglio) non ho avuto l’opportunità di poter partecipare, ma se ne hai la possibilità, te lo consiglio: me l’hanno descritta come un’esperienza niente male!

3- “Piano segreto dei Benedettini” – una visita che, cito testualmente “svela anfratti, cunicoli, stanze e gallerie che conservano ancora oggi le tracce del terremoto del 1693 e quelle di una vita monastica dimenticata

4- “Percorso de Carlo” – che corrisponde al primo tour e, in aggiunta, prevede la visita agli ambienti contemporanei dell’architetto Giancarlo de Carlo. 

5- Tour esclusivi – si tratta di tour personalizzati, solo su richiesta.

Per ulteriori informazioni, ti rimano alla pagina ufficiale del convento: trovi i link al termine dello spiraglio.


Ti sta piacendo questo post? Se si, ti chiedo un veloce piacere…dagli un like su Facebook!


Andiamo ora a parlare di due questioni fondamentali quando si viaggia: dove dormiredove mangiare a Catania!

 

Dove dormire a Catania – Il B&B “Dimora Novecento”

 

B&B Dimora Novecento a Catania

 

Per alloggiare a Catania, il mio suggerimento va sul B&B Dimora Novecento, un bel B&B a pochi passi dal centro, silenzioso, con un bel giardino e gestito con grande passione da Laura. Ho alloggiato solamente una notte, ma il trattamento ricevuto è stato squisito. 

Come dice il nome stesso, la casa, è una dimora di inizio novecento, completamente ristrutturata per accogliere turisti e viaggiatori di tutto il mondo.

Oserei dire che anche Maria (la mia moto) si è trovata piuttosto bene…

 

viaggio in moto sicilia, B&B Catania

 

Apprezzo in particolar modo i B&B con un giardino, perché ti permettono di riposare tranquillamente in mezzo al verde la qual cosa, almeno nelle grandi città, non è per niente facile da trovare. Invece, dopo il bellissimo alloggio di Acirealeposso dire di aver avuto fortuna anche a Catania.

Vuoi alloggiare al Dimora Novecento? Puoi farlo direttamente tramite questo linkAltre foto a fine spiraglio.

Andiamo ora a vedere dove si può mangiare nella bella città etnea.

 

Dove mangiare a Catania – Trattoria “U fucularu

 

trattoria u fucularu

 

Per mangiare a Catania (città in cui, vale la pena (anzi, il piacere) dirlo, le buone forchette avranno la loro soddisfazione!) il mio suggerimento va sulla Trattoria U Fucularu. Da buon toscano, quindi, non siculo, quale sono, ho dovuto ricontrollare tre volte per scriverlo giusto, ma alla fine ce l’ho fatta.

U fucularu”, in catanese, significa “il focolare” e, in effetti, posso dire che l’atmosfera che si respira è genuina, spontanea, verace, dal punto di vista del palato si rimane deliziati e, cosa importante per il sottoscritto, nel menù (tipicamente siciliano) sono presenti anche numerosi piatti vegetariani. 

 

trattoria u fucularu catania

 

U Fucularu è situato nel cuore della movida catanese, indi ragion per cui è consigliatissimo per chi ha voglia di uscire a fare festa dopo cena. Dal canto mio posso dire che Alessia si è presa cura di me dall’inizio alla fine della cena, dandomi anche numerosi consigli sulla città.

Ulteriori informazioni sulla trattoria, e qualche altro scatto, a fine spiraglio. 

 

Catania, Monastero, info utili e saluti finali

 

Di articoli su Catania, cose da fare e visitare in città se ne trovano a bizzeffe, io ne ho selezionato uno, in particolare, che ha richiamato la mia attenzione perché parla di cose insolite da fare.

Lo trovi qui di seguito, seguono altre informazioni utili e la gallery, nella quale trovi anche il celebre murales dedicato a Giovanni Falcone Paolo Borsellino, sulle mura del carcere


 

Monastero dei Benedettini a Catania: Sito ufficiale Monastero

I cinque tour del monastero nel dettaglio: Percorsi guidati al Monastero

Cosa fare? Cosa visitare? – Dieci cose insolite da fare a Catania

Dove dormire? Dimora Novecento B&B

Dove mangiare: U Fucularu

Ultimi spiragli sulla Sicilia: 

Riposto (il paese di Franco Battiato!) Il mare e l’Etna

La casa delle Farfalle a Viagrande (Ct)

 


Gallery 

 

E questo è tutto! Se il post ti è piaciuto, condividilo, grazie! Arrivederci al prossimo spiraglio, appuntamento a Modica!